Un blog da vedere… guai a voi se non ci andate

John Belushi. Matita su carta

Questa sera avevo intenzione di scrivere d’altro. Di tutt’altro. Buona lo stesso. Mi tengo l’argomento per la prossima, tanto non è tema di attualità né legato a vicende di questi giorni. Vi lascio schiattare dalla curiosità.

Invece. Invece, eccomi qui ad inventarmi pubblicitario, sponsor, strillone, passaparolaio, promoter, uomo sandwich… Insomma, eccomi a chiedervi per cortesia (con molto garbo ed educazione, come vedete) di andarvi a guardare un certo blog (nuovo di pacca) che ho anche inserito tra i miei preferiti. Ve lo chiedo così garbatamente che ho messo un rilevatore segreto in questo blog, nel mio blog, nascosto tra il sugo delle polpette, che mi segnalerà chi tra voi avrà il fegato di NOn andare a curiosare dove vi sto chiedendo moooolto educatamente di andare. E non facciamo dello spirito.

Riconosco che sia doveroso e quantomeno cortese spiegare. Quindi, spiego.

Il blog, che per inciso si chiama maglietteartigianalik.blogspot.it, per chi fosse duro d’orecchio o di comprendonio ripeto e infilo in un bel virgolettato: “maglietteartigianalik.blogspot.it”, o se proprio siete tradizionalisti al 1000% www.maglietteartigianalik.blogspot.it, è stato creato oggi. Quindi ditemi voi se potrei essere più tempestivo e se ci sia qualche altro capace di tenervi aggiornati in ugual misura sulle novità della rete.

Insomma, il blog è una vetrina, un portfolio, una mostra permanente e in evoluzione che vorrei andaste davvero a vedere. Poi… vabbè, poi vedete voi. Se qualcosa che trovate là dentro vi ispira, se avete un’ispirazione che vorreste far finire là dentro… se se se se… io non è che faccia l’agente di commercio, il procacciatore d’affari o il mediatore. Sbrigatevela un po’ da soli. Chi riesce a contattare me (nessuno) probabilmente riesce anche a contattare chi è autore/trice (in segreto, è /trice) di tutti quei disegni. Ah, dimenticavo…. mica sono solo sulle magliette. Ci sono perfino disegni fatti sul muro… E pensare che una volta, sotto, c’era una tappezzeria molto bella (scherzo, così è più… artistico).

L’omino che vola attaccato al muro non è male, no?

Ecco. Mi piacerebbe che il mio blog fosse conosciuto e frequentato da un bel po’ più di gente, pur essendo grato a vita ai miei aficionados, ma vorrei che come per magia questo mio sforzo di presentazione trovasse un’ampia risonanza e potesse far affluire visitatori a valanga nel blog di cui sopra (fate i bravi o vi rimetto l’indirizzo eh).

Dai, mannaggia, un po’ di coraggio, un po’ di iniziativa… basta guardare solo il blog della Ferilli sui divani a meno della metà, basta frequentare i blog dei sedicenti poeti o dei maitre à penser dell’ultima ora. Andatevi a vedere qualcosa che merita e che va incoraggiato. Possibile che debba sempre dirvi tutto io?

Intanto, beccatevi qualche anteprima. Ovvio che non inserisco una galleria. Son mica scemo completo: se la mettessi qui che cosa ci andreste a fare nel blog delle maglietteartigianalik? Su, su, un po’ di fantasia, di inventiva e… fatevi vedere senza una maglietta artigianale e vi tolgo il blogsaluto.

Ionnighitar

Questi mi sa che li conosco…
il disegno delle mai ha due caratteristiche: un fascino segreto e una difficoltà bestiale (per me almeno)
Questo è ciò che vi aspetta se non vi date una mossa a visitare il blog che vi ho segnalato. Occhio che controllo eh?


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.